Home/Tag: francia
9 12, 2018

Contagio francese verso l’Europa – approfondimenti

2020-05-11T22:06:39+02:00Dicembre 9th, 2018|Categorie: La grande crisi dell'autunno 2018 in Italia, STORIA, Storia attuale, Studi di politica, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , |0 Commenti

Il contagio francese è possibile all'Italia nel caso considerassimo l'immaturità dell'attuale esecutivo di governo (inverno 2018). La rivolta sociale prende piede sempre di fronte alla non autorevolezza.

8 12, 2018

Il contagio francese nel malessere europeo

2020-06-03T07:35:14+02:00Dicembre 8th, 2018|Categorie: Globalizzazione, La grande crisi dell'autunno 2018 in Italia, Studi di politica, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , |0 Commenti

il contagio francese sull'Europa ha senso in una società che ha elevato i ragazzini alla posizione di manager sottopagandoli. Il tutto è frutto dell'immaturità.

4 03, 2017

La Signora Le Pen prossimo leader di Francia

2020-06-03T15:06:22+02:00Marzo 4th, 2017|Categorie: Argomenti che scottano, Globalizzazione, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La Signora Le Pen si avvia alla vittoria nelle presidenziali di Francia La proposta politica della Signora Le Pen è chiara. Ovviamente si può essere in accordo come no, però sulla chiarezza del leader della destra francese non c'è nulla da dire. Non è possibile poter affermare la stessa qualità sugli altri candidati. Il punto non è più chi ha le idee chiare in Francia, (la Signora Le Pen) ma il perché è diversa. In realtà non è che la Le Pen sia diversa, quanto la stessa era è cambiata. Passando dalla globalizzazione alla post-globalizzazione, i politici [...]

11 02, 2017

La Signora Le Pen sarà il futuro di Francia?

2020-07-21T22:28:07+02:00Febbraio 11th, 2017|Categorie: Argomenti che scottano, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Le concrete prospettive della Signora Le Pen alle elezioni presidenziali francesi La Signora Le Pen ha delle concrete possibilità di vincere le elezioni presidenziali francesi del 2017? E' una risposta difficilissima da dare! Ancor più complessa rispetto all'esito delle elezioni americane appena celebrate. La vittoria di Trump fu prevista in questo sito dal marzo 2016. La previsione fu "facile", perchè il popolo americano (quello bianco e yankee) è "semplice". L'America prima di tutto; questo è il credo dell'americano bianco. Le minoranze razziali hanno sempre avuto un ruolo ambivalente negli Stati Uniti. Unite con i bianchi, per la [...]

12 10, 2016

Donald Trump è ora più potente come anti-stato

2020-07-26T00:25:58+02:00Ottobre 12th, 2016|Categorie: L'esperienza Americana, Studi di politica|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La nuova e grande potenza di Donald Trump è ora al suo massimo. Sganciato da un partito che non avrebbe saputo esprimere un presidente, Trump è libero. Libero di confermarsi l'anti stato necessario per rifondare la democrazia in Occidente.  Ciò che assolutamente non manca nel mondo è la critica a Trump. E' uno sport internazionale molto diffuso. Peccato che l'intero mondo stia criticando l'uomo, senza capirne il senso. Vediamo di spiegarlo. In Italia c'è uno, non eletto da nessuno, che svolge il ruolo di Primo Ministro. In questo senso siamo al colpo di stato pieno. Il Presidente [...]

2 06, 2016

Repubblica o monarchia. Prof Carlini critica al governo

2020-08-01T21:42:09+02:00Giugno 2nd, 2016|Categorie: Studi di politica|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La Repubblica è meglio della Monarchia? a giudicare dal "caso Italia" non è del tutto scontato! Probabilmente sarebbe meglio una via di mezzo: la Repubblica presidenziale, ovvero un presidente quasi mezzo Re. Parlando con delle persone di una certa età auguro loro, oggi 2 giugno, una buona giornata. Mi rispondono: .....lo sarà per Lei non per noi! Francamente a tale risposta ci resto male e subito dopo classifico queste persone degli "incazzati sociali", per cui proseguo per la mia strada. Nonostante ciò continuo a pensarci e incontrata una conoscenza comune racconto il fatto scoprendo che sono monarchici. [...]

30 12, 2015

L’Italia e la Grande Guerra. Prof Carlini studi sociologici

2020-08-03T21:32:08+02:00Dicembre 30th, 2015|Categorie: STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

L'Italia e la Grande Guerra - Politica e cultura dal 1870 al 1914, scritto da John  A. Thayer edito da Vallecchi nel 1973 Questo libro fu comprato dal mio papà indicativamente 40 anni fa e tenuto in casa senza che lui l'abbia letto. Formandomi una mia vita, presi il volume e lo portai, 35 anni fa, nella mia abitazione, senza che abbia mai avuto modo di poterlo leggere. In questo periodo, dal 22 al 30 dicembre a un ritmo di 32,5 pagine al giorno l'ho finalmente letto aggiungendosi a quei 12 testi, sul periodo della Grande Guerra, [...]

15 02, 2015

L’errore degli economisti: euro e globalizzazione. Prof Carlini

2020-08-09T21:17:23+02:00Febbraio 15th, 2015|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Attenzione all'errore strutturale di tutti gli economisti di oggi e ieri quando progettarono l'euro e la globalizzazione Chissà perché da 20 anni a questa parte chi discute d'economia commette sempre lo stesso errore: avremo forse abbassato eccessivamente il livello di studio nelle università, facoltà di economia in Occidente? L'errore di cui si parla è questo: non è mai considerato il quadro generale! Significa, ad esempio, che in Italia nel 2015 ci si dichiara ottimisti sull'economia (solo da fonte governativa per necessità di pubblicità finalizzata a coprire un vuoto esistenziale) senza considerare che ci sono 2 focolai di [...]

9 02, 2015

Modernità e distruzione: la prima guerra mondiale. Prof Carlini

2020-08-09T21:42:23+02:00Febbraio 9th, 2015|Categorie: Appunti per gli studenti, STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Un entusiasmo che durò una settimana: i giorni di preludio alla Prima guerra mondiale La personalità umana come capacità d’affermare un pensiero autonomo in accordo/disaccordo è sempre esistita nella storia dell’umanità, ma assume contorni certi e socialmente ritenuti validi, solo alla fine dell’Ottocento, in Occidente attraverso la formazione dell’opinione pubblica. Purtroppo però l’esordio della coscienza pubblica, non essendo stata educata dalla classe dirigente di quell’epoca (per incapacità) ha subito dei grandi sbandamenti, in un senso come nell’altro, in una generalizzata isteria che è divenuta rilevante per la classe politica a causa dell’estensione del voto. Quest’isteria collettiva non [...]

5 02, 2015

I giorni in cui si spense la luce sul mondo: 1914. Studi prof Carlini

2020-08-10T01:16:36+02:00Febbraio 5th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

I giorni in cui si spense la luce sul mondo: la dichiarazione di guerra dell’Austria alla Serbia, 28 luglio 1914 Per quanto triste possa essere l’argomento e il momento che si sta studiando, il mese di luglio del 1914, il comportamento umano assume forme tragico-comiche nell’imminenza di grandi eventi non capiti ma celebrati. In realtà la festa e l’entusiasmo che fu vissuto in quei primi giorni prima della tragedia, celebrano una novità assoluta nella storia: la partecipazione cosciente delle masse alla storia. Per la prima volta nella storia dell’umanità il singolo, unito ad altri, sui quali aveva [...]

30 01, 2015

Verso la Prima guerra mondiale: le guerre nei Balcani 1912/1913

2020-08-10T01:07:35+02:00Gennaio 30th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

I Balcani: le guerre balcaniche del 1912/1913 Premessa Ecco la quarta e penultima tappa del percorso alla Grande Guerra spiegando come inequivocabilmente si sarebbe giunti al grande conflitto. A differenza di altri storici, il mio pensiero, maturato studiando diversi testi è che la Prima guerra mondiale sia stato un evento sociale drammatico, voluto da tutti e imprescindibile, per la maturazione dell’era moderna. Mi spiego meglio. La massa degli studiosi cui mi sono rivolto per approfondire le cause che hanno prodotto la Prima guerra mondiale, afferma che quel conflitto si sarebbe potuto evitare e in ciò plaudono alle [...]

19 01, 2015

La Germania senza un politica estera nella crisi di Agadir. Storia. 1905

2020-08-10T00:43:11+02:00Gennaio 19th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

All’alba della Primo conflitto mondiale la Germania si scopre con molte ambizioni ma senza capacità: la prima crisi internazionale in Marocco 1905 Questi studi derivano da riassunti, svolti capitolo per capitolo dal libro "1914" per celebrare 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale. Onore, memoria e rispetto ai caduti, reduci, feriti e dispersi di quella guerra. Premessa Rileggendo la storia con il senno del poi, emergono delle continuità talmente evidenti che sconcerta non aver capito prima. Nel caso concreto, la Prima guerra mondiale è stata preceduta da ben 3 gravissime crisi internazionali che hanno, per così [...]

18 01, 2015

Francia: la confusione tra libertà e valori. Studi prof Carlini

2020-08-10T00:32:24+02:00Gennaio 18th, 2015|Categorie: Argomenti che scottano|Tag: , , , , , , , , , , , |0 Commenti

SI SCRIVE FRANCIA MA SI PRONUNCIA OFFESA AI VALORI Chattando con dei francesi sui noti avvenimenti di terrorismo in Francia ed equiparando i vignettisti a dei terroristi armati di matita che si sono scontrati con altri terroristi armati di fucile (tutto sommato senza una gran differenza sostanziale tra loro) mi si dice: in Francia non è reato la blasfemia! La prima sensazione è che tra bestialità e blasfemia ci sia un collegamento, ma è solo un'impressione. Ragionandoci sopra però emerge un problema di fondo poco esaminato sino ad ora. I francesi gridano ai 4 venti che vogliono [...]

18 01, 2015

Nasce il concetto di Stato Maggiore. Studi del prof Carlini

2020-08-10T00:52:08+02:00Gennaio 18th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Gli eserciti (e le aziende) per funzionare hanno bisogno di un'istituzione che li organizzi, motivi e impieghi: questa struttura si chiama Stato Maggiore. La nascita dello Stato Maggiore risale agli albori della Prima guerra mondiale. Quanto qui scritto celebra 100 anni dallo scoppio della prima guerra mondiale. Non solo, vuole anche aprire delle riflessioni che hanno un valore particolarmente attuale. A tutt'oggi le imprese italiane non hanno capito il senso e il bisogno di chiarezza guardando al futuro attraverso un piano di marketing, verificato mensilmente e l'introduzione di manager da consultare e riunire costantemente analizzando le reazioni [...]

5 01, 2015

Russia: agli albori della prima guerra mondiale. Prof Carlini

2020-08-10T13:46:27+02:00Gennaio 5th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Capitolo 7 del libro 1914 – L’orso e la balena. La Russia e la Gran Bretagna Questi appunti vengono scritti come commento al libro 1914 di Margaret MacMillan in memoria dei morti, feriti, dispersi e da quanti toccati dal conflitto che scoppiò 100 anni fa. La Russia, a cavallo nel XX secolo non aveva ancora deciso l’asse del suo sviluppo come influenza politica e militare: Occidente o Oriente? In quel periodo la Russia rappresentava un organismo enorme, colossale, con mille direzioni aperte. Il conte Lamsdorff (il ministro degli esteri) spinse la verso l’Asia lasciando un’Europa troppa pericolosa, [...]

4 01, 2015

Francia: Entente Cordiale. Premesse al primo conflitto

2020-08-10T20:02:43+02:00Gennaio 4th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Amicizie improbabili: L’Entente Cordiale tra Francia e Gran Bretagna Quanto qui scritto è tratto dal libro 1914 della Signora Mac Millan per ricordare con onore e rispetto tutti i morti, feriti e dispersi della Prima guerra mondiale a 100 anni dal suo scoppio. Anche questo capitolo esprime uno degli argomenti centrali dell’intera vicenda del 1914; il difficile rapporto tra la Francia e l’Inghilterra. Tutto nasce dalla cocente sconfitta francese del 1870 verso i prussiani, che consente non solo ai tedeschi di potersi annettere due piccole regioni francesi poste al confine (l’Alsazia e la parte meridionale della Lorenza, [...]

4 01, 2015

Prima guerra mondiale: la Germania guglielmina. Le premesse

2020-08-10T20:13:14+02:00Gennaio 4th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA, Storia attuale|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Studi sulla Prima guerra mondiale analizzandone le premesse: la Germania di Guglielmo 2° Questi studi sulla Prima guerra mondiale nascono dal bisogno di ricordare e rendere onore ai caduti, feriti e comunque vittime di quel grande e terribile evento sociale, politico e militare che fu la Prima guerra mondiale per la storia dell'umanità. Pagine 90-145: GUAI A TE PAESE CHE HAI UN RE RAGAZZINO questo è il titolo del terzo e il quarto capitolo del libro 1914 quando si dedica alla Germania guglielmina. La riflessione si concentra ora sulla Germania, all’indomani del tragico allontanamento di Bismarck (marzo 1900) per [...]

4 01, 2015

Prima guerra mondiale: le cause. Studi prof Carlini

2020-08-10T20:17:23+02:00Gennaio 4th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA, Storia attuale|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Prima guerra mondiale: com’è possibile che sia accaduto tutto questo? Le riflessioni qui pubblicate emergono dalla sintesi-riassunto tratte dal libro 1914, ampiamente studiato e meditato in occasione dei 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale. In onore, ricordo e memoria per tutti i caduti, feriti, dispersi della Prima guerra mondiale, che questo studio prende forma. LE CAUSE PRINCIPALI ALLO SCOPPIO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE una diffusa necessità, da parte di tutti gli Stati europei di una politica imperiale che rispondesse alla nuova formula sociologica di partecipazione alla vita della Nazione, ovvero il nazionalismo che in questa [...]

4 01, 2015

Prima guerra mondiale. Commento al libro 1914. Prof Carlini

2020-08-10T20:20:48+02:00Gennaio 4th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Prima guerra mondiale - commento al libro della Margaret Mac Millan di Giovanni Carlini Considerazioni generali Ho letto 3 volte questo libro nel corso del 2014 per onorare la memoria a 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale di tutti i feriti, mutilati, morti e dispersi in quel conflitto. L'autrice, la Signora Margaret Mac Millan, studiosa canadese, ha svolto un grande lavoro e scritto un'opera di sicuro interesse, commettendo però degli errori molto importanti e imperdonabili: a) ha completamente trascurato l'Italia, cui dedica in tutto 7-8 pagine sulle 712 del testo. Probabilmente, interpretando il pensiero dell'autrice, l'Italia [...]

4 01, 2015

Espansione dispersiva verso il primo conflitto mondiale. Prof Carlini

2020-08-10T14:55:44+02:00Gennaio 4th, 2015|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Espansione dispersiva: il dramma britannico agli albori della Prima guerra mondiale Espansione dispersiva. Quanto qui scritto rappresenta un riassunto tratto dal libro 1914 della scrittrice Margaret Mac Millan dedicato alla comprensione delle cause che hanno spinto alla Prima guerra mondiale. Pagine 71-73: Queste pagine sono dedicate alla Gran Bretagna e al suo Capo di gabinetto, Lord Cecil Salisbury. Dal loro studio si aprono molte considerazioni: a) come in quell’epoca nelle scienze sociali era molto ricercata e di moda una “teoria generale”, che tutto sapesse spiegare in forme eleganti e chiare, anche in politica si ricercavano dei grandi [...]

Torna in cima