29 06, 2022

Guerra virtuale. Andrè Beaufre. Prof Carlini

2022-06-29T20:35:05+02:00Giugno 29th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione, Storia attuale, Studi di politica, Tecnologia e Tecniche Militari|Tag: , , , |0 Commenti

Guerra virtuale, ovvero una nuova forma di conflitto. Dopo la guerra difensiva (l'unica riconosciuta dalla Costituzione italiana), quella offensiva (in atto dalla Russia verso l'Ucraina) e preventiva (Israele 1966 e Stati Uniti contro Irak) c'è anche la guerra virtuale. Si tratta di una forma di combattimento al momento in uso da parte della Cina, Russia e Iran contro l'Occidente. Consiste nel momentaneo disagio d'accesso alla rete, fino all'eventuale distruzione d'ogni informazione che non sia reale. Solitamente, fino ad ora, al massimo ha comportato lo spegnimento dell'energia elettrica. Non siamo ancora pervenuti alla distruzione dei conti bancari o [...]

13 06, 2022

Orgoglioso di far parte del 21% che ha votato al referendum

2022-06-13T22:25:52+02:00Giugno 13th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |4 Commenti

Orgoglioso di far parte del 21% scarso che ha votato al referendum del 12 giugno 2022. Mi sento a posto con il debito di riconoscenza verso chi ci ha permesso il diritto/dovere di poter votare. In linea con il pensiero democratico più evoluto e sagace. Da piacere sentirsi "a posto" sul piano istituzionale. Il referendum non è stato accettato per assenza di votanti? A si? e come mai abbiamo sindaci come quello a Milano che rappresenta si e no il 35% dell'elettorato? Sindaci eletti con pochi voti sono privi della legittimità politica. Questo è quanto accaduto a [...]

5 06, 2022

La monarchia unisce di più rispetto alla Repubblica

2022-06-05T20:07:38+02:00Giugno 5th, 2022|Categorie: Studi di politica|Tag: , , , |2 Commenti

La monarchia unisce di più rispetto alla capacità d'aggregazione repubblicana. E' il primo pensiero che emerge osservando il giubileo britannico per la regina Elisabetta II° celebrato oggi 5 giugno 2022. Il pensiero corre al referendum istituzionale italiano del 2 giugno 1946. Senza alcun dubbio NON avrei votato per la repubblica e fin qui è semplice, il difficile arriva adesso. Casa Savoia non ha saputo maturare una dignità di governo tale per cui sarebbe stato saggio affidarsi a quelle persone. Il giudizio negativo non riguarda tanto e solo il periodo 1922-1946 ma coglie ampiamente l'intera gestione Savoia dell'Italia. [...]

30 05, 2022

La guerra non si gestisce con i trattati di pace. Prof Carlini

2022-05-30T22:17:11+02:00Maggio 30th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Storia attuale, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

La guerra è il condimento della Storia. Il fatto che dal 1945 non si sia manifesto in Europa, nessun conflitto, non vuol dire nulla, anzi va considerata come l'eccezione che conferma la regola. La Storia è ricca di guerra e questa ha almeno 50mila anni. Che rapporto c'è tra migliaia d'anni e quelli che intercorrono tra il 1945 e il 2022 limitatamente al solo continente europeo? Da queste brevi battute emerge quanto sia sciocco credere d'aver relegato la "guerra" ai poveri o alle eccezioni. In Occidente la guerra è stata introitata nel tasso di divorzi (42% delle [...]

11 05, 2022

La guerra si vince solo combattendo non con la “pace”

2022-05-11T22:31:56+02:00Maggio 11th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

La guerra è la costante della storia: che ci piaccia a no è sufficiente aprire un libro di storia per accorgersene. Tutte le balle che si raccontano in giro del tipo: no agli armamenti; si alle armi se non le si usa in un certo contesto; avviare trattati di pace combattimenti durante; la guerra si vince con la pace; ed altre affermazioni inutili di questo genere tratte dalla fantasia delle persone. non servono a nulla. Come si risolve il confronto militare in Ucraina con i russi? Piegando quest'ultimi sui loro confini. Bene sta facendo l'Ucraina combattendo fino [...]

9 05, 2022

Produzione snella sporcata dal linguaggio errato. Prof Carlini

2022-05-09T21:10:14+02:00Maggio 9th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, CULTURA AZIENDALE, Globalizzazione, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Produzione snella sporcata dall'ossessivo, sostanzialmente patologico, ricorso a terminologia non nazionale. I concetti non sono facili motivo per cui la lingua madre è importante. Appesantire il ragionamento con un diluvio di terminologia straniera distacca l'attenzione di chi vuole capire allontanando le persone dai concetti. Perchè ci siamo ridotti ad un maniacale esibizionismo linguistico nell'abuso di terminologia straniera? Ovviamente l'abuso nell'uso di parole straniere nel linguaggio corrente, esprime la crisi della globalizzazione nella definizione dei concetti. Vuol dire che in era globalizzata (oggi si può ampiamente affermare post-globalizzata trovandoci in una nuova stagione) non è importante il concetto [...]

7 05, 2022

Ma le afghane non hanno sostenuto i loro uomini nella lotta

2022-05-09T21:14:11+02:00Maggio 7th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Ma le afghane non hanno sostenuto il loro esercito e i loro uomini nella lotta nazionale ai talebani, quindi ora di cosa si lamentano? I loro terroristi religiosi (talebani) impongono alle donne il burca? Fatti loro, se la sbrighino nei loro ambiti, non è un problema nostro di Occidentali quando non ci si batte per i propri diritti. A differenza rispetto alla strenua difesa ucraina, il popolo afghano non è neppure pronunciabile in una sorta di confronto. Non c'è il confronto in valore e determinazione alla lotta e difesa delle proprie libertà; quindi ora cosa c'è da [...]

1 05, 2022

Quando dicono che in 22 secondi bruciano una città li attacchi

2022-05-01T20:28:31+02:00Maggio 1st, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Quando dicono, i russi nei programmi d'intrattenimento serale, che in 22 secondi bruciano Berlino come Londra o Parigi, li attacchi! non si può fare altro. Ovviamente quando in un Paese (Italia) ci sono politici che concordano con la difesa dell'Ucraina a patto che non si usino le nostre armi per rispondere alla Russia in pari modo, qualcosa non funziona. Che cosa vuol dire? Significa che servono risposte diverse che sono: le armi servono per difendersi. La difesa avviene anche in profondità nel territorio nemico. Ne consegue che ben venga ogni forma d'attacco su suolo russo; non ricordo, [...]

29 04, 2022

E se il 9 maggio finisse tutto d’incanto in Ucraina?

2022-04-29T13:58:39+02:00Aprile 29th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

E se il 9 maggio 2022, come se nulla fosse accaduto, finisse ogni confronto militare nel conflitto russo-ucraino? Potrebbe essere un pensiero che appartiene al mondo dei sogni, è vero, ma non è così assurdo. La Russia sta perdendo la guerra e ha bisogno di uscirne salvando la faccia. Inizialmente il Putin ha progettato una campagna militare come se fosse una "scampagnata" oltre i confini con l'Ucraina. Oggi, la Russia si trova in un conflitto militare ancora più complesso e grave di quello vietnamita degli anni Settanta. L'Ucraina è evoluta e si sta ancor più muovendo su [...]

28 04, 2022

E’ cibo per virus chi non indossa la mascherina

2022-04-28T13:25:36+02:00Aprile 28th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Il caso Cina, Polmonite cinese, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

E' cibo per virus chi non indossa la mascherina di protezione. Indipendentemente da quello che narra il Governo, il virus da polmonite cinese c'è, infetta la gente e ne uccide poco meno di 200 persone al giorno. Solo uno stolto non considera questi dati confermati quotidianamente. Perchè la tensione sociale sul virus cinese è calata? I motivi sono diversi tra cui: non indispettire la Cina che è responsabile di quanto accaduto e dovrebbe pagarne i danni (almeno a 163mila deceduti solo nel nostro Paese); esortare gli italiani a spendere per mantenere alto il PIL. In caso contrario [...]

26 04, 2022

La terza guerra mondiale possibile. Prof Carlini

2022-04-26T21:02:24+02:00Aprile 26th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |1 Commento

La terza guerra mondiale è possibile, non addirittura probabile, però inizia ad essere "visibile" nel panorama delle novità all'orizzonte. L'ultimo studio qui pubblicato è stato un auspicio alla vittoria della Signora Le Pen in Francia. Gli argomenti sono collegati: guerra (ipotesi) e capi di Governo. Il Macron non è assolutamente adeguato al ruolo in un contesto di guerra; non ha ne il carisma ne la capacità d'ideare gli scenari, al contrario la Signora Le Pen si. Peggio in Italia, dove dal 2011 non c'è un Capo di Governo eletto dai cittadini. In pratica si chiama colpo di [...]

14 04, 2022

Le ore contate del Signor Putin. Prof Carlini

2022-04-17T09:23:08+02:00Aprile 14th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Le ore contate del Signor Putin non è il titolo di un romanzo giallo, ma un ragionamento semplice. Putin sta rappresentando un problema per la stessa Russia. La prospettiva del gerarca del cremlino sta aprendo fronti anche con la penisola scandinava, allargando di fatto uno scontro non più tollerabile per la fragile Russia. Una Russia fragile sul piano militare (nessuno lo credeva, ma è sotto gli occhi di tutti) e ai minimi livelli in termini economici. E' vero che la Russia ha ampie riserve di materie prime, ma se non sono sufficienti al benessere collettivo a che [...]

11 04, 2022

Certo che gli afghani rispetto gli Ucraini. Prof Carlini

2022-04-12T20:19:42+02:00Aprile 11th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Certo che gli afghani, l'esercito afghano, rispetto alla valorosa resistenza di tutto il popolo ucraino, si scioglie come neve al sole. Come mai e perchè la capacità di resistenza, ma non di lamentarsi degli afghani è cosi minima, mentre in un altro contesto, sostanzialmente occidentale, cambia tutto? Il quesito è attuale. Merita assistenza chi non ha saputo e voluto opporre alcuna resistenza per difendere la propria casa e famiglia? Possibile che l'Occidente si deve caricare gente e popoli che non sanno e vogliono reagire e poi aiuta con il contagocce chi si merita l'onore delle armi e [...]

10 04, 2022

Chi non ha saputo prevedere la guerra lasci il posto.

2022-04-11T15:33:33+02:00Aprile 10th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione, Il caso Cina, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Chi non ha saputo prevedere il conflitto russo-ucraino ed è profumatamente pagato è bene che si dimetta o sia cacciato. Il riferimento è certamente ai vertici dell'Unione Europea, ma senza ombra di dubbio i direttori dei giornali e così via. Come mai gente stra pagata non "poteva immaginare che accadesse"? L'alto livello di remunerazione rappresenta una responsabilità. Chi non ha saputo prevedere, capire, immaginare, sospettare che accadesse, perchè deve occupare un posto senza averne le capacità? Ciò comporta un cambio di generazione di direttori e responsabili? bene! favoriamo il ricambio. La stupidata che gli atti bellici in [...]

8 04, 2022

Nel fallimento di Putin e della Russia ciò che impressiona

2022-04-09T09:50:20+02:00Aprile 8th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Nel fallimento del gerarca russo (oligarca) Putin e quindi della Russia intera, ciò che impressiona è l'incapacità di fermarsi quando tutto è perduto. L'Armata Rossa o esercito russo, non mette più paura nessuno. Per quest'organizzazione c'è stata una caduta "verticale" di prestigio e capacità di pressione sull'estero. Solo il 23 febbraio 2022 ogni paese del mondo avrebbe temuto l'esercito russo, oggi no, è tutto cambiato. La forza armata russa è vulnerabile come tutte le altre e forse anche di più. Oltre alla distruzione del mito militare russo, c'è un altro disastro da considerare: la perdita, da parte [...]

2 04, 2022

40 giorni fa l’economia era superiore ai valori. Prof Carlini

2022-04-02T20:45:11+02:00Aprile 2nd, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione, Il caso Cina, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

40 giorni fa l'economia e gli scambi commerciali avevano una valenza superiore alle idee, ai concetti e agli Stati. Oggi no; tutto è tornato ad una logica comprensibile motivo per cui non si compra (o vende) a chi è diverso da noi per idee, concetti e cultura. Solo ora e finalmente, possiamo dire "no import" da chi è lontano dai nostri valori. No alla Cina, NO alla Russia. L'elenco prosegue; No all'India che è complice alla Russia. No al Messico, Brasile, Ungheria e altri poveracci. Paesi allineati nella difesa del male, del comunismo e della dittatura. Il [...]

30 03, 2022

Se è disperato attacchi e se è stanco attacchi Premier Zelensky

2022-03-30T23:45:04+02:00Marzo 30th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, La crisi della Ue, Studi di politica, Tecnologia e Tecniche Militari|Tag: , , , |0 Commenti

Se è disperato per il Suo Paese, Premier Zelensky, La prego: attacchi. Nel caso dovesse temere per la Sua vita, attacchi! Se pensa che ci sia una via di pace, attacchi. All'ultimo momento, attacchi. Quando le sue forze sono allo stremo, attacchi! Illustre Signor Premier Zelensky, capo di Governo in carica in Ucraina, Le porgo il mio rispetto, attenzione e ammirazione. Lei sa che non morirà di vecchiaia e sa anche che ha accettato questo ruolo per essere da noi tutti osannato, ammirato restando nella Storia. Una Storia di dignità per il Suo Paese e noi tutti [...]

29 03, 2022

Immaterialità della PA a rischio sicurezza. Prof Carlini

2022-03-29T21:54:15+02:00Marzo 29th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, La crisi della Ue, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Immaterialità e Pubblica amministrazione; un ingenuo connubio in grado di mettere in piazza e compravendita i dati sensibili degli italiani. Il concetto non è difficile da capire: ogni dato che è transitato dal cartaceo al virtuale è corruttibile e cancellabile. Gli ultimi 33 giorni di storia, oltre a chiudere il capitolo della globalizzazione, hanno posto a nudo un altro problema: l'insicurezza del virtuale. Esiste una Nazione che si chiama Russia (in realtà unitamente alla Cina) che per scelta ha deciso di sabotare le linee virtuali dell'Occidente. Tradotto in termini pratici vuol dire trovarsi il conto corrente svaligiato. [...]

28 03, 2022

Cercando di spiegare che cosa vuole Putin. Prof Carlini

2022-03-29T16:15:42+02:00Marzo 28th, 2022|Categorie: CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Globalizzazione, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Cercando di spiegare cosa vuole Putin emerge che: il gerarca Putin vuole lasciare un segno nella storia della Nazione; questo segno punta a formare una sola Nazione tra persone che comunque parlano russo: si tratta di russi, ucraini e bielorussi; esiste la Russia, la piccola Russia (l'Ucraina) e la Bielorussia; la riunificazione dei 3 ceppi cultuali e razziali, che già condividono lo stesso idioma, tende a limitare i danni che sono emersi dal crollo dell'Unione Sovietica; come noto, nel 1989 l'Unione Sovietica collassò formando l'attuale Federazione Russa. Fin qui tutto comprensibile, i problemi nascono nel modo e [...]

25 03, 2022

Un papa comunista di cui vergognarsi. Prof Carlini

2022-03-27T17:56:01+02:00Marzo 25th, 2022|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, Studi di politica|Tag: , , , |0 Commenti

Un papa comunista è quello in servizio al momento e da diversi anni. Caspita che noia, assenza d'iniziativa e populismo che emerge da questo "pontificato". Più che un papa, il soggetto sarebbe stato meglio impiegato come responsabile di marketing della Santa Sede. Una persona tutta protesa all'apparire, alla superficialità dei concetti evitando accuratamente di centrare l'obiettivo. Sulle vicende di Hong Kong l'assenza del Vaticano (per non dispiacere i compagniucci cinesi) è stato dirompente. Relativamente all'Ucraina il profilo della Santa Sede è a dir poco insignificante, equidistante, inconcludente. A che serve un pontificato ridotto in queste condizioni? Anzi [...]

Torna in cima