Home/2016/Novembre
30 11, 2016

La militarizzazione della risposta alla sofferenza

2020-07-25T00:07:50+02:00Novembre 30th, 2016|Categorie: Parkinson|Tag: , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La militarizzazione della risposta alla sofferenza La parola militarizzazione potrebbe essere non felice ma esprime bene il concetto. Opporsi alla sofferenza per quanto possibile. Questa resistenza ha un senso: mantenersi umani. L'umanità deriva dalla capacità di conservare e manifestare sentimenti. Solitamente con la sofferenza si modifica il proprio comportamento (in peggio). Ebbene si, le persone cambiano il loro modo di rapportarsi nel sociale sotto l'influenza del dolore. Questo cambiamento produce inaspettate situazioni non gradevoli e dignitose. Cosa fa fare la paura! Ebbene lo scopo di questi studi non è quello di restare accademici, al contrario sono al [...]

29 11, 2016

The prisoner of Parkinson. Prof Carlini

2020-07-25T00:00:47+02:00Novembre 29th, 2016|Categorie: Parkinson|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

The prisoner of parkinson The prisoner of parkinson è la prima teoria sociologia al mondo per la cura delle malattie di lungo decorso. Attualmente "la malattia" è giustamente un dominio della medicina. A volte interviene la psicologia. Mai la sociologia. Questo è un guaio. Lo è nella misura un cui la sofferenza modifica il comportamento delle persone. Come gestire un caro che soffrendo cambia il suo modo di relazionare? La risposta richiede l'intervento della sociologia. Qui però non è tanto importante che ci sia una dottrina o l'altra! Il punto è vivere bene. Ecco la parte nodale [...]

28 11, 2016

Le ragioni del No al referendum. Prof Carlini

2020-07-24T23:54:36+02:00Novembre 28th, 2016|Categorie: Studi di politica|Tag: , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Le ragioni del No al referendum Sollecitato da più parti ad esprimere un parere ecco il mio ragionamento. Voto NO. La domanda più semplice è, perché? Le motivazioni sono del NO al referendum sono diverse: a) attualmente c'è un parlamentare ogni 62mila residenti. Certamente potremmo anche portare questo livello a 1:120mila cittadini. Credo però che ne soffra la democrazia; b) se lo spirito della riforma fosse stato il dimezzamento dei parlamentari, sarebbe stato facile! Non serve una riforma costituzionale per questo, bensì una normale legge. Con questa nuova norma, dalle prossime elezioni governative si avrebbe avuto metà [...]

27 11, 2016

Il PIL che non c’è: il caso Italia. Prof Carlini

2020-07-24T23:55:49+02:00Novembre 27th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano|Tag: , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Il PIL che non c'è: il caso Italia In Italia ci si interroga su un rilancio che non c'è. Un giorno dicono che la crisi è finita poi ci ripensano. In realtà nessuno ha capito cosa stia accadendo. A questo punto serve una riflessione per approfondire. Con la prima (e ultima) crisi della globalizzazione (ormai siamo in era POST GLOBALIZZATA) del 2008 in Occidente si è aperta nuovamente l'austerità. Negli anni Settanta, per austerità, s'intese una riduzione dei consumi. Mitiche furono le domeniche a piedi a causa dell'alto costo del petrolio. Negli anni Novanta l'austerity fu sia [...]

26 11, 2016

Femminicidio e violenza di genere: mosse pubblicitarie

2020-07-25T00:51:59+02:00Novembre 26th, 2016|Categorie: Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Pubblicità & politica: femminicidio e violenza di genere Soprattutto in epoca globalizzata è necessario coinvolgere le persone con spot pubblicitari. Il loro contenuto in realtà non interessa molto. E' la logica del web. Poche righe per esprimere un concetto. Non si leggono più i libri e a fatica i giornali. Meglio le sintesi che offre internet. E' come se fossimo diventati tutti più intelligenti, sensibili e capaci. Non abbiamo più bisogno di leggere e capire, basta la sintesi! Infatti le bocciature a scuola aumentano. I divorzi aumentano (42% in Italia). Gli abbandoni tra coppie non coniugate pare [...]

25 11, 2016

Ricerca sociale: ottimismo o pessimismo

2020-07-25T01:07:14+02:00Novembre 25th, 2016|Categorie: Studi di sociologia, Studi sulla personalità|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La ricerca sociale. Criteri d'analisi del pessimismo/ottimismo Recentemente l'organo italiano di statistica nazionale, ISTAT ha pubblicato una ricerca sociale. Da quest'analisi è emerso un importante ritorno d'ottimismo nella Nazione. In realtà il dato è stato mal interpretato. La motivazione di questa voluta cattiva lettura del dato sociale è politica. Nell'imminenza del referendum del 4 dicembre è meglio essere "ottimisti" ai fini del voto sul "si". Perchè i dati sono reali, ma errata la sua lettura? Dispiace vedere la ricerca sociale così strumentalizzata. Tra l'altro da chi non è stato eletto da nessuno (golpe in bianco in Italia). [...]

23 11, 2016

Selezione del personale – gravi errori

2020-07-25T01:14:16+02:00Novembre 23rd, 2016|Categorie: GARDEN, ORGANIZZAZIONE AZIENDALE|Tag: , , , , , , , , , , |2 Commenti

La selezione del personale è arte! Che venga svolta da "artisti" specialisti e non dal titolare. Recentemente ho avuto il piacere d'incontrare il titolare di uno dei più grandi garden di Milano. E' stato un onore. Quest'uomo dirige una struttura complessa e di successo. Nonostante il grande rispetto che devo e voglio tributare al personaggio, ho notato degli errori mortali. Questi sbagli non sono qui indicati per "criticare", ma imparare. Mi spiego. Spesso accade che aziende autorevoli "scivolino sulla classica buccia di banana". E' un peccato. In genere è "difficile" parlare con questi "grandi personaggi" perchè raramente sono [...]

22 11, 2016

Ecco perchè Brexit, Trump e poi Le Pen

2020-07-25T01:37:01+02:00Novembre 22nd, 2016|Categorie: Argomenti che scottano, Globalizzazione|Tag: , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Spiegando eventi come brexit, Trump e fra poco le Pen Ciò che sorprende è che in TV ci siano gli stessi giornalisti che hanno sbagliato. I medesimi corrispondenti dall'estero! Quando un giornalista sbaglia clamorosamente le sue previsioni che sia allontanato. I nostri corrispondenti dall'estero non hanno saputo capire il Paese dove lavorano. Eppure sono gli stessi che proseguono a lavorare dalle stesse posizioni. E' chiaro che in queste condizioni non si avrà mai un quadro chiaro. La Brexit non fu capita e prevista. Anche Donald Trump. Probabilmente la Signora Le Pen in Francia. In italia la vittoria [...]

20 11, 2016

Il razzismo e la crisi dei democratici. Prof Carlini

2020-07-25T01:39:06+02:00Novembre 20th, 2016|Categorie: Globalizzazione, Studi di politica|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Il concetto di razzismo va discusso nuovamente Successivamente alla vittoria di Donald Trump negli Usa, è aumentato l'abuso del termina "razzista". In genere questa parola viene utilizzata per disprezzo dai "democratici" verso chi li contesta. Detto in altri termini, la contestazione ai "democratici" non avviene sui concetti e idee. Questi soggetti "democratici", in Italia come negli Usa, chiudono ogni riflessione con frasi di rito. In realtà si chiama pregiudizio. Con tali premesse la sinistra mondiale perde quota. Del resto era ora! La globalizzazione è una pura creatura di sinistra. La crisi della società globalizzata è una crisi [...]

19 11, 2016

Illegittimo l’incarico di Matteo Renzi. Prof Carlini

2020-07-25T22:35:49+02:00Novembre 19th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

L'incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri al Matteo Renzi è illegittimo. Tradotto in termini più diretti si chiama colpo di stato in bianco.  I FATTI L'allora Capo dello Stato, Giorgio Napolitano ha indicato, anni fa, in Matteo Renzi il nuovo Capo dell'esecutivo. Quest'ultimo ha ottenuto la fiducia delle Camere. Il Governo è quindi legittimato ad operare. Il Renzi emerse come candidato in assenza di proposte politiche adeguate. Infatti il Signor Renzi non è mai stato eletto su scala nazionale. Tutto quanto avvenuto è in linea con una prima e superficiale lettura della carta costituzionale. ANALIZZANDO MEGLIO [...]

18 11, 2016

Storia sociale della guerra. La 1° g.m. parte 3

2020-04-29T19:09:46+02:00Novembre 18th, 2016|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, Storia attuale|Tag: , , , , , , , , |0 Commenti

Storia sociale della guerra – Richard A. Preston e Sydney F. Wise. Capitolo 16: La Prima guerra mondiale. Parte terza La direzione e indirizzo alla guerra Considerato lo stallo in Occidente, nel corso dell'intera guerra, si affacciarono 2 visioni. Una concentrata sul fronte occidentale, detta westerners. Un'altra (favorita) tesa ad allargare il conflitto in molte più aree: easterners. Vinse la visione di Churchill aprendo molti fronti. Fu un totale insuccesso, tranne che in Palestina del 1917 (vedi film Lawrence d'Arabia). In realtà il problema fondamentale nella Prima guerra mondiale fu chi avrebbe diretto le operazioni. Militari o [...]

18 11, 2016

Storia sociale della guerra. La 1° g.m. parte 2

2020-04-29T19:09:46+02:00Novembre 18th, 2016|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, Storia attuale|Tag: , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Storia sociale della guerra – Richard A. Preston e Sydney F. Wise. Capitolo 16: La Prima guerra mondiale. Parte seconda Cosa la prima guerra mondiale ha rappresentato nella storia La Prima guerra mondiale ha rappresentato il punto d'inizio della società moderna. Moderno per modernità. Il significato è semplice e complesso. L'epoca moderna iniziò con la scoperta dell'America (1492). La modernità è un concetto diverso da "moderno". Per modernità s'intende la complessità della vita odierna, che dovrebbe essere semplice, ma non lo è. Una difficoltà non sostanziale, perchè le grandi carestie e povertà non ci sono più; almeno in [...]

17 11, 2016

Storia sociale della guerra – La prima guerra mondiale

2020-04-29T19:09:46+02:00Novembre 17th, 2016|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Storia sociale della guerra – Richard A. Preston e Sydney F. Wise. Capitolo 16: La Prima guerra mondiale. Parte prima  Tutti seppero senza saper anche immaginare Tra i molti anche Ivan Bloch anticipò cosa sarebbe accaduto nella prospettiva di una grande guerra. Infatti tra il 1897/1898 Bloch pubblicò cosa scoprì con la lucidità del suo ingegno. Nessuno gli credette. O meglio, solo lo Zar ne restò profondamente turbato da convocare all'Aja una Conferenza di pace. Sia la Conferenza che gli studi di Bloch impressionarono, ma non convinsero. Ecco il punto! Forse un atteggiamento di questo tipo è [...]

15 11, 2016

Storia sociale della guerra: la totalità

2020-04-29T19:09:47+02:00Novembre 15th, 2016|Categorie: COMMENTO A LIBRI FAMOSI, STORIA|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Storia sociale della guerra – Richard A. Preston e Sydney F. Wise. Capitolo 15: verso la guerra totale Il capitolo 15 del testo di Preston e Wise funge da spartiacque. Nel senso che prima si è discusso della guerra secondo la Rivoluzione francese e Napoleone. Con la guerra di Seccessione in America cambiò tutto. Peccato che nessuno se ne accorse. Tutto sommato come nel 2016 quando pur in presenza di Brexit e Trump, nessuno ha saputo capire la novità. Cerchiamo di fare il punto: la guerra è sempre la sintesi della società che la esprime; in epoca [...]

15 11, 2016

Frattura della Ue. Prof Carlini studi di politica

2020-07-25T01:20:35+02:00Novembre 15th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La frattura della Ue. Come e perchè. Molto interesse ha destato lo studio sulla frattura della UE. In realtà la domanda è un'altra; perchè stupirsi? E' così naturale e logico che la Ue si spacchi!  E' logico e naturale che la Ue si spacchi per molti motivi. Eccessivamente allargata? credo di si! Che tenerezza fa il Governo italiano quando pensa all'Albania nella Ue. La Ue non solo è troppo larga, ma anche appesantita da una moneta pericolosa. L'euro. Non è finita. Tra la torre di babele della Ue e l'euro c'è di mezzo anche l'immigrazione. Quasi il [...]

14 11, 2016

Donald Trump, Brexit e i nuovi scenari economici

2020-07-25T22:37:46+02:00Novembre 14th, 2016|Categorie: Globalizzazione|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Quali sono i nuovi scenari economici considerando la Brexit e Donald Trump? Che si possa essere in accordo o disaccordo su Brexit e Trump non è rilevante. Di fatto questi 2 eventi comportano un passaggio d'epoca. Precisamente dalla globalizzazione si passa alla post globalizzazione. Che cosa vuol dire? Le implicazioni sono culturali, politiche, sociali ed economiche. Concettualmente il tutto ruota intorno a un quesito di base. Quanta disoccupazione e immigrazione può tollerare la democrazia?   Donald Trump ha dato una sua risposta, la Signora Clinton no. Uno è stato eletto, l'altra no. Questa è la sintesi della [...]

14 11, 2016

La crisi della democrazia. Prof Carlini studi

2020-07-25T01:23:28+02:00Novembre 14th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano, Studi di politica, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La democrazia è in crisi. Per molto tempo è stata posta una domanda a cui nessuno ha voluto rispondere. Quanta disoccupazione e immigrazione è in grado tollerare la democrazia? Le recenti reazioni al voto, negli Usa, confermano la crisi del sistema democratico. Non andiamo lontano! in Italia c'è un primo ministro non legittimo. Significa che l'attuale Presidente del Consiglio non ha legittimità politica. Non serve andare negli Usa per trovare esempio di crisi della democrazia. IL CASO ITALIA Poche righe da spendere sul "caso Italia". E' vero che la Costituzione consente al Capo dello Stato di nominare [...]

13 11, 2016

Ue, la prossima frattura. Prof Carlini

2020-07-25T01:25:25+02:00Novembre 13th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano, Globalizzazione|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , |2 Commenti

La Ue, Unione Europea è prossima alla frattura. Quali gli scenari? Primo articolo di una serie di 3 Forse pochi se ne sono accorti, ma da giugno 2016 ad oggi, novembre, la fine della Ue è prossima. Cosa vuol dire? Significa che è cambiata un'era. I segnali sono stati già lanciati con la brexit e Trump. Il punto è capire come si svilupperà. Sarà una fine traumatica oppure cadrà come già il muro di Berlino? Personalmente immagino una fine soft ma qui dobbiamo anche intenderci cosa voglia dire "fine". Con il cambio di governo in Francia e [...]

12 11, 2016

Il garden eccellente: florovivaismo. Prof Carlini

2020-07-25T22:41:08+02:00Novembre 12th, 2016|Categorie: GARDEN|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Florovivaismo come cultura aziendale. Quando il garden è una struttura d'eccellenza. Nella vita ho avuto la fortuna di scrivere di florovivasimo. Ancora oggi su una testata vengono pubblicati i mei spunti per questo settore merceologico. Grazie a ciò ho potuto visitare circa 700 garden in nord America e pubblicare all'incirca 200 articoli. A questo punto è saggio fare il punto indicando cosa voglia dire eccellenza nel florivivaismo. Per essere pratico e diretto mi esprimo per punti: a) il garden non dev'essere più un negozio. Al contrario deve costituire una parte della città. In tal senso le persone [...]

12 11, 2016

Melting pot, quando funziona. Prof Carlini

2020-07-25T22:48:27+02:00Novembre 12th, 2016|Categorie: Argomenti che scottano, L'esperienza Americana, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Il Melting pot è un'idea. Per funzionare ha bisogno d'alcune premesse.  In ogni trattato di sociologia del Novecento s'affronta il tema del melting pot. In effetti è affascinante. Il guaio di questo specifico fenomeno sociale è che stato molto celebrato, ma poco studiato. Mi spiego.  Il melting pot si basa su più culture in collaborazione tra loro. Il nastro trasportatore del fenomeno è l'immigrazione. Fin qui nulla di strano. I problemi nascono quando vanno posti in relazione QUANTITATIVA i diversi gruppi etnici. Finché c'è un gruppo dominante che "apre la porta di casa" alle minoranze, tutto funziona. [...]

Torna in cima