Home/Tag: richard sennett
25 01, 2016

Lavoro incerto? vita incerta! ecco la globalizzazione

2020-08-03T17:43:56+02:00Gennaio 25th, 2016|Categorie: Globalizzazione|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Gli effetti della globalizzazione sulla vita privata delle persone nel primo ventennio del secolo. Chi ha progettato la globalizzazione, nei tardi anni Novanta, non ne ha esaminato le conseguenze sociali che ora esplodono in tutta la loro forza. Passare da una società costruita sul lavoro a tempo indeterminato (dal 1946 al 2000) a una con prevalente lavoro determinato (dal 2000 in poi) ha significato introdurre nella vita privata delle persone e delle coppie, importanti quote di incertezza-ansia. Fin qui tutto sommato nulla di drammatico, nella vita possono esserci momenti di frizione ed è anche giusto che ci [...]

30 12, 2014

La secessione dell’uomo affermato – Richard Sennett

2020-08-10T13:58:09+02:00Dicembre 30th, 2014|Categorie: Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Richard Sennett: Il concetto di secessione dell'uomo affermato Si tratta della rinuncia alla guida della società con innovazione e aspetti ideali ma anche alla partecipazione attiva, da parte della classe agiata, che volge così al privato. Già Richard Sennett aveva anticipato la tendenza negli anni Settanta in un famoso libro (Ritorno al privato). Da allora è stato un susseguirsi di commenti e studi sul fenomeno, fino a cristallizzarlo in questa definizione a opera di Robert Reich nel testo The Work of Nation. La secessione dell'uomo affermato. Perché la borghesia ormai proletarizzata in era globalizzata, si ritira dall’impegno [...]

28 12, 2014

Richard Sennett “La cultura del nuovo capitalismo”. Prof Carlini

2020-08-10T12:52:07+02:00Dicembre 28th, 2014|Categorie: Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Richard Sennett, commento al libro “La cultura del nuovo capitalismo” Richard Sennett è stato letto con l’intenzione di ricercare i responsabili di una globalizzazione mal applicata, che ha prodotto povertà e disoccupazione in Occidente. Il concetto stesso di globalizzazione, come anche per la moneta unica, denominata “euro”, se appaiono come delle belle idee, nella loro effettiva applicazione, si sono rivelati fallimentari. Il mondo a questo punto si complica, nel senso che abbiamo bisogno della globalizzazione, dell’uso indiscriminato del web, d’internet e della moneta unica, ma in una forma completamente rivista e corretta, per eliminare gli errori compiuti. [...]

28 12, 2014

Il sesso in era globalizzata. Studi e ricerche prof Carlini

2020-08-10T10:48:56+02:00Dicembre 28th, 2014|Categorie: Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Le basi concettuali per una nuova sociologia della sessualità di Giovanni Carlini   Introduzione In Italia alcune Università (in particolare a Bologna – sede di Forlì e Parma) hanno lanciato corsi sulla sociologia della sessualità e studi sul sesso in era globalizzata per cui si stanno moltiplicando gli interventi concettuali e dottrinali, a favore dell’istituzione permanente di una cattedra capace di studiare come la sessualità s’interponga nella relazione sociale e quindi evolva il sesso in epoca moderna. In questo studio, critico ma propositivo verso la dottrina sociologica, si desidera offrire sia un punto di vista innovativo sulle [...]

28 07, 2014

L’inizio della globalizzazione. Il senso e lo scopo del consumismo per vivere meglio.

2020-04-29T19:14:35+02:00Luglio 28th, 2014|Categorie: Globalizzazione, INTERVENTI VIDEO, Storia attuale, Studi di politica, Studi di sociologia|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

L'inizio della globalizzazione. Il senso e lo scopo del consumismo per vivere meglio L'inizio della globalizzazione si trova nel termine del conflitto vietnamita. Siamo nel periodo 1974-1976. Il presidente Nixon cercò una strategia d'uscita dalla guerra in Vietnam. Il consigliere di stato, Henry Kissinger si rivolse alla Cina per la soluzione. La ricetta per la quadratura del cerchio fu trovata. Gli americani avrebbero investito in Cina apportando capitali. I cinesi avrebbero messo la mano d'opera. L'inizio della globalizzazione fu subito orientato a sostenere il consumismo con prezzi bassi. Del resto era esattamente quello che gli americani volevano. [...]

Torna in cima