6 03, 2017

Al Ministero del Lavoro. Critica alla Micheal Page

2020-06-03T14:34:38+02:00Marzo 6th, 2017|Categorie: Argomenti che scottano, CULTURA AZIENDALE, Ricerca di un posto di lavoro|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Richiesta d'intervento dal Ministero del Lavoro. Escludendo automaticamente gli over 35 dalle selezioni si applica una discriminazione. Non solo, c'è un grave danno al sistema economico nazionale con manager non adeguati. Infatti l'economia nazionale ristagna. La Confindustria tace. Il manager è colui che va selezionato in base alla capacità di risoluzione dei problemi. L'età e il genere sono aspetti secondari non discriminatori (così dovrebbe essere) Lettera aperta al Ministro, capo del dicastero Ministero del Lavoro, Gentile Signor Ministro, come noto le società di ricerca del personale, in Italia, operano in base a una specifica autorizzazione concessa dal [...]

5 03, 2017

Il responsabile di negozio DEVE avere un cognome!

2020-06-03T14:50:39+02:00Marzo 5th, 2017|Categorie: CULTURA AZIENDALE|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Il responsabile di negozio non si può chiamare Anna o Marco. L'interfaccia legale della compagnia con il cliente DEVE avere una identificazione certa. Sempre! Il responsabile di negozio esprime l'interfaccia legale della compagnia verso il cliente. Questo personaggio non può essere un'Anna o un Roberto. Neppure può essere negato il loro cognome dai commessi a richiesta del cliente. Si tratta di un aspetto di serietà. La privacy non centra nulla nel caso delle responsabilità. La commessa può chiamarsi Carla, ma il responsabile dove essere sempre Bianchi Pietro (ad esempio). Quando si entra in un cantiere edile o [...]

24 02, 2017

PMI e disagio generazionale. Prof Carlini

2020-07-22T10:34:20+02:00Febbraio 24th, 2017|Categorie: CULTURA AZIENDALE|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

Le PMI italiane soffrono per manager troppo giovani e impreparati. La Confindustria brilla per la sua assenza pur costando non poco alle imprese. Infatti l'economia va male. Le PMI rappresentano la ricchezza della Nazione. Non è una battuta, ma un vero riconoscimento d'importanza sociale all'industria italiana. Senza imprese l'Italia sarebbe al Medio Evo. La differenza che corre tra povertà e benessere è marcato dal sistema delle imprese. Sarebbe auspicabile erigere un monumento a ogni imprenditore nella pubblica piazza cui le scolaresche portano i fiori. Quando però si passa dalla idee alla concretezza, la critica si fa feroce. [...]

Torna in cima