Home/Tag: La cultura alla diseducazione. Apple e la fretta
15 10, 2020

La cultura alla diseducazione 2. L’uso abuso del cell

2020-10-15T11:46:28+02:00Ottobre 15th, 2020|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, CULTURA AZIENDALE, educazione dei figli, Globalizzazione, La grande crisi dell'autunno 2018 in Italia, Polmonite cinese, SOCIOLOGIA, Storia attuale, Studi di sociologia, Studi sulla personalità|Tag: , , , , , , |0 Commenti

La cultura alla diseducazione è una costante dell'era globalizzata. Un'era che invita alla fretta e quindi alla superficialità purchè si consumi a ogni costo. Ecco il punto debole della globalizzazione: il consumo acritico, quello fatto per esistere. Con queste premesse si forma la cultura alla diseducazione. Sull'argomento specifico è stato già scritto un precedente studio indirizzato contro la società Apple. In questa seconda riflessione si desidera cogliere un altro aspetto. Lo spunto proviene da una studentessa prossima all'esame di maturità. La ragazza non è provvista di computer. Al posto del computer usa il cellulare. In pratica la [...]

15 10, 2020

La cultura alla diseducazione. Apple e la fretta.

2020-10-16T07:30:44+02:00Ottobre 15th, 2020|Categorie: Argomenti che scottano, CRISI DELLA GLOBALIZZAZIONE E POLITICA, CULTURA AZIENDALE, educazione dei figli, Globalizzazione, La grande crisi dell'autunno 2018 in Italia, Polmonite cinese, SOCIOLOGIA, Storia attuale, Studi di politica, Studi di sociologia, Studi sulla personalità|Tag: , , , , |0 Commenti

La cultura ha un ruolo di trasmissione delle idee tra generazioni. In pratica un travaso d'esperienza tra chi ha "capito" dei concetti verso chi è saggio li impari. Ecco il senso di un assetto culturale. Dagli anni della contestazione giovanile (1968-1975) qualcosa è cambiato. E' cambiato nel senso che i giovani (e lo siamo stati tutti) tendono a sentirsi protagonisti della storia indipendentemente dal passato. La nuova tendenza è quella di considerare il presente sganciato dalle esperienze passate. Questa "sensazione-illusione" è sostenuta dalla tecnologica. Essendoci oggi degli assetti tecnologici diversi rispetto al passato, ci si sente autorizzati [...]

Torna in cima