Contabilità analitica esercizio 3 della serie.

In realtà, grazie a questo contributo stanno pervenendo dagli studenti diversi tipi di esercizio sull’argomento. L’idea iniziale era quella di condensare in solo 3 tipi di esercizio l’ambientamento dello studente all’argomento. Per rispondere a tutte le richieste, a questo punto, la serie “contabilità analitica” non finirà con questo terzo intervento ma raccoglierà tutti quelli che i lettori richiedono.

Questo caso è similare all’esercizio 2 già risolto il cu link è qui allegato:https://www.giovannicarlini.com/contabilita-analitica-altro-esercizio-prof-carlini/

Ciò che cambia rispetto all’esercizio svolto è il calcolo dell’indice di redditività ovvero quanto la singola produzione partecipe all’utile aziendale. Per spiegarmi è bene seguire la logica dei numeri.

Un’impresa con 3 produzioni.

DATI                              prodotto A         prodotto B      prodotto C

unità prodotte                  7.000                8.000               6.000

prezzo di vendita                130                   120                   190

costi variabili                        60                      80                  100

costi fissi specifici       120.000              50.000          100.000  per specifici s’intendo quei costi sostenuti esattamente per garantire questa produzione.

costi fissi generali       300.000            300.000         300.000  i costi fissi generali e comuni sono quelli che comunque l’impresa sosterebbe anche a zero produzione.

Le richieste del compito sono:

a) calcolare il Ricavo totale (Rt) con il margine di contribuzione

b) calcolare nuovamente il Rt con margine nel caso la produzione fosse di +400 pezzi ipotizzando che non crescano (illusione non credibile) i costi variabili e fissi

Per elaborare questo compito serve una nuova tabella così strutturata:

OPERO CON IL METODO DEI COSTI VARIABILI PER DETERMINARE IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE

DATI                                                            produzione A   produzione B    produzione C      TOTALE

Ricavi di vendita (prezzo per quantità)910.000            960.000           1.140.000            3.010.000

meno i costi variabili (cv x q )                    420.000            640.000            600.000          – 1.660.000

Margine lordo di contribuzione (a-b)   490.000            320.000            540.000             1.350.000

meno CF specifici                                        120.000              50.000             100.000               270.000

Margine semilordo di contribuzione         370.000             270.000            440.000            1.080.000

meno il totale dei CF generali                                                                                                    – 900.000

Risultato di profitto finale pari a  180.000

Calcolo degli indici di redditività (il contributo al reddito d’impresa). Com’è immediato si calcola ponendo in relazione il margine con il ricavo totale. 

Valori evidenziati in verde nella tabella.

Produzione A pari a 490.000/910.000 = 53,84%

Quindi per la B è 320.000/960.00 = 33,33%

Infine per la C è pari a 540.000/1.140.000 = 47,36%

E’ palese che la produzione A è la più conveniente nel caso si dovesse scegliere su cosa puntare.

Nel caso la produzione dovesse alzarsi di 400 unità (senza aggravio di costo il che è assurdo e limitato alla finzione scolastica) gli indici cambiano in:

A = 448.000/768.000 = 58,33%

B = 222.000/740.00 = 30%

C = 405.000/918.000 = 44,11

Fine dello studio Contabilità analitica esercizio 3.