Altre cause che contribuirono allo scoppio della guerra civile americana, nell’Ottocento, oltre a quelle già descritte. Precedentemente, in questa serie di studi sulla guerra civile, sono stati descritti gli iniziali motivi di guerra che sono:

  • oggettivamente il Sud degli Stati Uniti è diverso dal Nord. La linea Mason e Dixon per quanto immaginaria non è affatto una teoria;
  • il Sud è per l’estensione dell’Unione (guerre al Messico e quasi all’Inghilterra per il Canada quindi alla Spagna per Cuba) per acquisire nuove terre, mentre il Nord concentrato nello sviluppo della sua regione;
  • quindi il Sud è per il libero mercato mentre al Nord si cerca il protezionismo proteggendo la nascente industria nazionale;
  • inoltre il Nord è integralista e fondamentalista nella sua religione protestante e pura, quando al Sud ogni persona ha la sua “religione” purchè si possa convivere;
  • c’è la questione razziale nell’utilizzo di manovalanza nera, ma resta sullo sfondo tra le differenze anche se apparentemente è questa la causa della guerra civile però non è vero, si tratta di una mistificazione che anticipa, nella finzione celando i veri motivi. E’ quanto avverrà in Europa nel Novecento affermando dei concetti che in realtà ne celano altri (motivo per cui questi studi sono qui sviluppati);
  • tra le altre motivazioni qui inizialmente indicate c’è la grande questione: gli Stati Uniti sono un’Unione o uno Stato come la Gran Bretagna? per il Sud si tratta di un’Unione, per il Nord uno Stato che vuole imporsi nella sua storia e in quella mondiale (anche se in quel momento di metà Ottocento, non c’è una visione certa su quest’ultimo aspetto). il quesito è appassionate ma spiega la differenza tra un Ottocento agricolo e il Novecento industriale incombente;
  • tre le altre cause accennate e non sviluppate in questi primi studi, c’è il peso dell’immigrazione proveniente dall’Europa. L’immigrazione è una causa importante di guerra. Il motivo è semplice. Il nord industrializzato voleva l’immigrazione per calmierare i prezzi dei salari degli operai. La manovalanza in eccesso, rispetto alle richieste industriali, proseguiva verso i Territori dove sarebbe diventata possidente terriera in fattorie del demanio donate agli immigrati. L’intera dinamica si scontra con il Sud, che cerca ampi territori a coltivazioni intensive per schierare i neri schiavi al lavoro. Gli immigrati spesso accettano salari più bassi e lavorano di più rispetto agli schiavi creando concorrenza.

Ed ecco che ora s’aggiungono altre cause a quanto qui indicato e spiegato nei precedenti studi. Per questioni di lunghezza del testo, queste altre cause sono a seguire in un nuovo spunto di riflessione immediatamente pubblicato successivo al presente.

Nell’immagine l’anima pensante del Sud: John Calhoun